IMG_3454

  • Laureato in Medicina e Chirurgia il 4/04/2002 presso l’Università degli Studi di
    Ancona.
  • Abilitazione professionale presso l’Università degli Studi di Ancona nel
    Novembre 2002 con votazione 110 su 110.
  • Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi della Provincia Pesaro e Urbino dal
    29/01/2003.
  • Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia discutendo la
    tesi: “Aspetti degenerativi della giunzione miotendinea del tendine
    d’Achille nell’uomo. Studio ultrastrutturale”, con votazione 50 su 50 e lode.

Infiltrazione ecoguidata anca

L’osteoartrosi rappresenta la causa più comune di dolore a carico della regione coxo-femorale (anca) nell’adulto ed anziano. E’ una patologia cronica, a carattere ingravescente  con   interessamento degenerativo “usura” della cartilagine articolare. Il trattamento si avvale di terapia medica, fisica ed infiltrativa: oltre a farmaci a base di  cortisone, ad azione esclusivamente antiinfiammatoria e pertanto a beneficio momentaneo, il farmaco più comunemente utilizzato è l’acido ialuronico (HA).

L’acido ialuronico è uno dei componenti fondamentali dei tessuti connettivi dell’uomo,  è il principale componente di una famiglia di polisaccaridi simili tra loro per struttura e comportamento contenenti aminozuccheri meglio noti come Glucosaminoglicani.
Da un punto di vista chimico è un polimero lineare non ramificato composto da un’unità disaccaridica formata da acido Glucuronico e N-acetilglucosamina che si ripete nell’ambito della molecola per un elevatissimo numero di volte fino a raggiungere pesi molecolari dell’ordine di alcuni milioni di Dalton. L’ acido ialuronico  è sintetizzato normalmente dalle cellule sinoviali dell’articolazione ed oltre ad essere responsabile delle proprietà viscoelastiche del liquido articolare, contribuisce ai meccanismi di lubrificazione dell’articolazione e protegge parzialmente il tessuto cartilagineo da insulti di varia natura, meccanici chimici ed infiammatori. Inoltre vi è accordo nella letteratura mondiale  nel riconoscere i benefici di questo farmaco e la pressochè totale assenza di effetti avversi.

Metodica

Paziente in decibito supino  con l’anca in intra-rotazione di 15-20°. Viene utilizzata una sonda lineare convessa di 7,5 o 3,5 MHz associata ad una guida bioptica sterile. L’articolazione coxo-femorale viene analizzata attraverso un accesso parasagittale anteriore “accesso sicuro in quando il fascio vascolo-nervoso si trova lateralmente ad esso”. Previo allestimento di campo sterile, l’infiltrazione  intra-articolare del farmaco viene effettuata inserendo un agospinale G20, attraverso la guida bioptica, usando un approccio anterosuperiore. In tempo reale, l’agospinale viene  introdotto all’interno dell’articolazione. L’acido ialuronico iniettato ed il suo corretto posizionamento intraarticolare è verificato mediante la visualizzazione diretta del fluido che appare iperecogeno e che si distribuisce lungo il profilo corticale della testa e del collo femorale. La metodica è poco dolorosa, non necessità di anestesia.

INDICAZIONI

Pz con quadro radiografico di artrosi di grado lieve-moderato.

 

 

Richiesta di appuntamento

Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 Regolamento Europeo 2016 / 679)
Il Titolare del trattamento dei dati è Centro Medico Adriatico S.r.l. Via IV Novembre, 33 – 61032 Marotta di Mondolfo (PU). Il trattamento dei dati forniti (nome, cognome e mail) sarà finalizzato a dare riscontro alla richiesta riportata nella compilazione del form della pagina. I dati non saranno comunicati e/o diffusi a terzi. Il conferimento dei dati è facoltativo ma necessario per dare luogo al riscontro della richiesta. La conservazione dei dati sarà limitata al tempo necessario per la risposta. L’interessato ha diritto di accesso ai dati, alla loro aggiornamento, rettifica, cancellazione e limitazione al trattamento per motivi legittimi, per l’esercizio di tali diritti ci si potrà rivolgere alla mail di contatto info@centromedicoadriatico.it o centralino 0721.968.888.

Informazioni

SpecialitàOrtopedia e Traumatologia